FAIL (the browser should render some flash content, not this).
     Condividi

@ FOTO FALSINI

 

N. Y. 150° Anniversary Puccini Gala
"The star of the evening for me was Mr. Armiliato. 
He stopped the show with an elegant account of "E lucevan le stelle,"
complete with fine-spun pianissimo phrasing and exciting top notes.
He delivered a superb account of "Nessun dorma" from "Turandot"
.
Anthony Tommasini: 
The New York Times 
(23-12-08)
 

"La triade
TIBERINI-PERTILE-ARMILIATO rappresenta la linea di continuità, attraverso i secoli, della grande tradizione tenorile italiana."

Giosetta Guerra 7/8/2007 
 

"Fabio Armiliato è un tenore oggi
nel pieno di una sfolgorante
maturità artistica."
Alessandro Mormile

L'Opera - Luglio 2007
 

"Il tenore Fabio Armiliato è sicuramente il più nobile Ernani
oggi in circolazione."

M.o Bruno Campanella
Interview La Stampa
 

"Il suo Chènier è il migliore
dei nostri giorni."

G. C. Landini - L'OPERA
 

"Es dificil hallar hoy mejor
Radames que Fabio Armiliato."

G. Alonso - LA RAZON


"Gli esempi della capacità di donare colori pertinenti al senso della frase rivelano quanto Armiliato sia oggi, nel panorama tenorile internazionale, esempio di intelligenza musicalità e professionalità da ammirare."
Alessandro Mormile
L'OPERA - Marzo 2008

 

 

Hanno detto....Quotes...





 

Last Update:
23 set 2009


Ricerca personalizzata

 

 


TOSCA

Roma "Terme di Caracalla": 14, 16, 21 Luglio; 4 e 6 Agosto 2009



Floria Tosca
Micaela Carosi

Cavaradosi
Fabio Armiliato

Scarpia
Giorgio Surian

Sagrestano
Roberto Abbondanza
Angelotti
Alessandro Svab
Spoletta
Mario Bolognesi
Sciarrone
Alessandro Battiato
Carceriere
Angelo Nardinocchi
Pastorello
Marta Pacifici


Coro di Voci Bianche di Roma dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia e del Teatro dell'Opera

ORCHESTRA E CORO DEL TEATRO DELL’OPERA
 

Direttore   Paolo Olmi

Regia    FRANCO RIPA DI MEANA

Nuovo allestimento

 


Tosca in chiave anticlericale

"Fabio Armiliato invece accenta, fraseggia, fa capire ogni parola ed è un ottimo Cavaradossi".

Mauro Mariani - IL GIORNALE DELLA MUSICA


"Fabio Armiliato, davvero magnifico per sicurezza, fraseggio e dispiego di colori (dalla mezzavoce al fortissimo), con un magistrale "E lucevan le stelle" eseguito con grande abbandono e perfetto uso del pianissimo."

Enrico Stinchelli su FACEBOOK


TERME DI CARACALLA, UN FINALE DI NOME "TOSCA"

"Vent'anni fa esordì nel ruolo di Mario Cavaradossi ed è tornato ancora una volta l'affascinante personaggio dell'opera pucciniana più amata dagli italiani: la "Tosca". I consensi della cosmopolita platea per il tenore Fabio Armiliato sono stati incondizionati ed hanno voluto rendere omaggio alle sue particolari tonalità, al suo straordinario registro acuto, alla sua innata musicalità, come alla sua trasparenza drammatica."

Renato Ribaud - L'AVANTI: 16-7.2009


E LUCEVAN LE STELLE...

Roma: la stagione estiva del Teatro dell-Opera a Caracalla ha allineato due nuovi allestimenti di TOSCA e CARMEN in cui hanno spiccato rispettivamente le prove di Fabio Armiliato e Elina Garanca, al suo debutto italiano.

Assolutamente singolare il caso di Fabio Armiliato, fra i pochi tenori che con l-incedere della carriera sembra acquisire sicurezza vocale facendo perno sulla maturit' artistica ed interpretativa. Il ruolo di cavaradossi, normalmente vittima di tutti i vezzi e gigionismi del melodramma, nelle sue mani invece viene decantato, persino castigato a volte, come in "E Lucevan le Stelle" in un'essenzialità  che rende tridimensionale la figura del giovane pittore, spesso resa solo giovanilistica da posticci ardori.

Luca Del Frà - L'OPERA: Settembre 2009  


"Dotato di uno slancio lirico immediato e di spiccato temperamento Fabio Armiliato ha meritato i prolungati consensi del pubblico non soltanto dopo "E lucevan le stelle".
Al termine applausi per Olmi e i cantanti, dissensi per l'allestimento."

Luigi Bellingardi - CORRIERE DELLA SERA: 16-7-2009


TOSCA: LA PAZZIA PRENDE POSTO DEL SUICIDIO

"Paolo Olmi dirige con bell'intuito teatrale; Fabio armiliato è un Cavaradossi sanguigno ma non privo di dolcezze e vocalmente autorevole; Micaela Carosi ha voce cospiqua e fraseggio energico però può migliorare come dizione; Giorgio Surjan disegna uno Scarpia gelido e essenziale."

Alfredo Gasponi - IL MESSAGGERO: 16-7-2009


ROMA, "Tosca"

"Bene anche i cantanti a cominciare da Fabio Armiliato che ha una rassicurante consuetudine con il personaggio Cavaradossi."

Virgilio Celletti - L'AVVENIRE: 16-7-2009


Tra le voci, spicca Fabio Armiliato, vero veterano del ruolo ed in grado di afferrarne le sfumature pure all’aperto. Micaela Carosi non manca di voce, ma forse un po’ di più di grazia le gioverebbe. Giorgio Surian è un buon Scarpia. Merita un elogio Roberto Abbondanza per lo spessore dato al personaggio del Sacrestano."

Giuseppe Pennisi - IL VELINO: 15-7-2009


THE NEW PRODUCTION OF "TOSCA" IN ROME:
ANTI-CLERICAL, WEIRD BUT ALSO BRILLIANT

The winner of the evening was Fabio Armiliato; he was singing Cavaradossi for the 134th time. His clear timbre, his sensual legato, his perfect phrasing and his acute, when required, make him perfect for the part. He also has the "physique du role" and a very cunning and effective acting.

Giuseppe Pennisi - OPERATODAY.COM


I VENT'ANNI DI MARIO....

Che l' opera all' aperto sia una scelta non propriamente felice, è un dato di fatto. Basta uno sguardo, anche distratto, alla storia del Melodramma per accorgersene: il luogo deputato da sempre alla sua rappresentazione resta il teatro o, comunque, un limitato luogo coperto. Ma in estate, complice l' aumento delle temperature ecco spuntare qua e là, un po' come funghi, rassegne musicali "open air", anche nei luoghi meno adatti. E' questo il caso delle Terme di Caracalla, ai piedi dell' Aventino, luogo in cui, durante i mesi più caldi, viene trasferita la stagione romana. Location oltremodo suggestiva, non c’è dubbio, ma circondata da arterie sempre cariche di traffico e coronata dal volo degli aeroplani. Si è reso quindi necessario, soprattutto ora che il palco non viene più allestito all' interno del raccolto calidarium, per garantire una decorosa fruizione dello spettacolo, il ricorso all' amplificazione, con buona pace della magia scaturita dal canto lirico, dal miracolo della proiezione di una voce.
Dopo questo piccolo, ma doveroso, preambolo veniamo subito a parlare del punto forte di questa produzione di Tosca: il ritorno di Fabio Armiliato  nel luogo in cui, vent' anni fa, per la prima volta indossò i panni di Mario Cavaradossi. E, ovviamente anche questa Tosca numero 135 (sperando di non sbagliarci...) si è risolta in un trionfo! Strepitoso vedere come un ruolo che ogni volta sembra aver raggiunto la perfezione assoluta, la volta successiva ci si riveli sempre migliore. La potenza dello squillo (elettrizzante il Vittoria), il lirismo mai melenso del primo e soprattutto del terzo atto (spettacolare la mezzavoce di disciogliea dai veli), la varietà degli accenti e la bella presenza scenica ne fanno il Cavaradossi per eccellenza di questo inizio di millennio.

FORUM INTERNET - 20 Luglio 2009



 

 

     

© 2001-2006 IMAGINE srl,  ITALY. disclaimer | privacy | contact us