FAIL (the browser should render some flash content, not this).
     Condividi


 


 


 

 

N. Y. 150° Anniversary Puccini Gala
"The star of the evening for me was Mr. Armiliato. 
He stopped the show with an elegant account of "E lucevan le stelle,"
complete with fine-spun pianissimo phrasing and exciting top notes.
He delivered a superb account of "Nessun dorma" from "Turandot"
.
Anthony Tommasini: 
The New York Times 
(23-12-08)
 

"La triade
TIBERINI-PERTILE-ARMILIATO rappresenta la linea di continuità, attraverso i secoli, della grande tradizione tenorile italiana."

Giosetta Guerra 7/8/2007 
 

"Fabio Armiliato è un tenore oggi
nel pieno di una sfolgorante
maturità artistica."
Alessandro Mormile

L'Opera - Luglio 2007
 

"Il tenore Fabio Armiliato è sicuramente il più nobile Ernani
oggi in circolazione."

M.o Bruno Campanella
Interview La Stampa
 

"Il suo Chènier è il migliore
dei nostri giorni."

G. C. Landini - L'OPERA
 

"Es dificil hallar hoy mejor
Radames que Fabio Armiliato."

G. Alonso - LA RAZON


"Gli esempi della capacità di donare colori pertinenti al senso della frase rivelano quanto Armiliato sia oggi, nel panorama tenorile internazionale, esempio di intelligenza musicalità e professionalità da ammirare."
Alessandro Mormile
L'OPERA - Marzo 2008

 

 

N. Y. 150° Anniversary Puccini Gala
"The star of the evening for me was Mr. Armiliato. 
He stopped the show with an elegant account of "E lucevan le stelle,"
complete with fine-spun pianissimo phrasing and exciting top notes.
He delivered a superb account of "Nessun dorma" from "Turandot"
.
Anthony Tommasini: 
The New York Times 
(23-12-08)

 

Hanno detto....Quotes...





 

Last Update:
27 mag 2010


Ricerca personalizzata

 

 


LUISA MILLER

Zurich - 18, 21, 23, 25, 28 Aprile; 2, 5, 7, 16 Maggio 2010



LUISA MILLER a Zurigo

"Con una voce tenorile bella e senza problemi in ogni registro, Fabio Armiliato ha dato un’elegante interpretazione di Rodolfo"

NEUE ZUERCHER ZEITUNG, Marianne Zeiger-Vogt; 20 aprile 2010


Ah, questi Padri !

"Fabio Armiliato, Rodolfo, ha mostrato una linea di canto molto italiana, nello stile verdiano."

Susanne Kübler - TAGES ANZEIGER; 21 aprile 2010


Lineare e nitido come un disegno a china il Maestro Armiliato riporta Verdi alla ricca essenzialità che gli compete e lo fa vibrare di una luce che è poetica teatralità

Il mese scorso ha debuttato a Zurigo il Rodolfo pucciniano di José Cura, oggi a farlo è il Rodolfo verdiano di Fabio Armiliato: in un simpatico gioco di nomi due grandi tenori sullo stesso palcoscenico hanno incontrato per la prima volta due grandi Rodolfo!

L’incontro tra Fabio Armiliato e il protagonista di "Luisa Miller" è sicuramente di altissimo livello.

Si tratta di un personaggio difficile sia dal punto di vista vocale, come vedremo meglio in seguito, che per una psicologia "aperta": dolce innamorato, amico sincero di una donna che non ama, figlio di un padre pronto a tutto per il potere della casata, onesto e coraggioso, minato da una sfiducia molto romantica che lo spinge al gesto estremo di uccidere e uccidersi per amore, Rodolfo ha molte frecce al proprio arco per coinvolgere in una bella interpretazione.

Come in tutta la Luisa Miller verdiana, più che in quella di Schiller che risente meno del problema, è necessario uscire dallo stereotipo di feuilleton per trovare nell’intimo i colori e le motivazioni. E Fabio Armiliato è stato molto accurato in questa ricerca di nitore emozionale, senza mai strafare, con un equilibrio di grande suggestione.

Come il Maestro mi farà notare vocalmente si tratta di un ruolo impervio, che tocca diversi colori e diverse tessiture del registro tenorile. A tratti lirico puro, in altri momenti quasi donizettiano, poi lirico spinto per arrivare a frasi talmente drammatiche da ricordare Otello.

Armiliato ha usato tutte queste possibilità della sua bella e raffinata voce, con un’eleganza e una pulizia che possono essere considerate la cifra distintiva della sua interpretazione. Ha toccato tutti gli aspetti vocali di Rodolfo, traendone spunto per definire ed arricchire la psicologia del personaggio.

Con un’eleganza, come ho già detto, mai fredda, mai estranea ma sempre centrata sulle emozioni in campo, sulle sinergie presenti nella storia. Armiliato è stato molto preciso nel togliere il personaggio da una monotematicità pseudo-romantica che non gli appartiene, neanche vocalmente.
Rodolfo drammaturgicamente vive una situazione leggibile a vari livelli che lo rende un personaggio complesso, e come tale Verdi lo ha reso.

Lineare e nitido come un disegno a china il Maestro Armiliato riporta Verdi alla ricca essenzialità che gli compete e lo fa vibrare di una luce che è poetica teatralità.

Penso a "Quando le sere al placido" con quel recitativo così ricco di colori, dove ogni parola ha un preciso significato emotivo, evocante un ricordo, tanto che il grande tenore ne ha cesellato ogni risvolto, portando poi la romanza ad aprirsi come un fiore.

Accanto a lui una Barbara Frittoli (ovviamente Luisa Miller) perfetta per intensità, bellezza vocale e studio del personaggio. La signora Frittoli ha proposto una donna a tratti coraggiosa, a tratti ribelle, drammaticamente violentata da un ricatto troppo crudele, troppo schiacciante.
Bellissime le pagine con il padre, un Leo Nucci che come sempre esplora da par suo aspetti controversi e complessi della Òpaternità verdiana.

Tutta la produzione si è rivelata comunque veramente interessante, con la regia di Damiano Michieletto ricca di intuizioni.
Ho apprezzato molto l’impianto scenico centrale circolare, in continua rotazione e con i mondi di Luisa e Rodolfo in collegamento e confronto.

Mi è piaciuto confrontarmi con soluzioni diverse da quelle che io avrei forse adottato e trovarle ugualmente costruttive a riprova che quando a reggere uno spettacolo c’è un’idea ben estratta da libretto e partitura, seguirlo è sempre stimolante.
Penso all’uso quasi straniante del coro, ai bambini che rappresentano Luisa e Rodolfo piccoli o forse ancora di più la loro essenza. Penso ai movimenti in qual modo danzati chiesti spesso ai cantanti e alla caratterizzazione di Wurm (bravissimo!), così teatrale nei movimenti quasi malati e nella cattiveria marchiata nel fisico.

Una regia profondamente mutuata dal teatro di prosa, volutamente recitata ma con grande equilibrio e valorizzazione dei tempi musicali.

Del resto Luisa Miller è un’opera molto interessante drammaturgicamente, per gli sviluppi emotivi che mette in campo: due padri protagonisti nel bene e nel male, rappresentanti di poteri e legami, reali ed emotivi, molto forti. Due figli che con molta fatica affermano la loro libertà e vengono schiacciati da giochi sporchi, più forti della loro integrità. Una donna innamorata e potente che è un po’ il prologo di future soluzioni (Amneris, Eboli per esempio) molto più intriganti. Una storia d’amore tenera e drammatica, dove fiducia e paura s’intrecciano a livelli complessi.

Insomma un’opera che racconta molto e a Zurigo è stata resa con grande classe e partecipazione.

Serenella Gragnani - www.artistaallopera.com


“Luisa Miller” dall’Opernhaus di Zurigo

Fabio Armiliato voce bella e ben condotta ha offerto un “Quando le sere al placido” di bella linea vocale.

Jean-Pierre Scalabrin:  gbopera.it  - 6 Maggio 2010


 

"O fede negar potessi...Quando le sere al placido"
"L'ara o l'avello"
Zurich, 18-4-2010


 

 

     

© 2001-2010 IMAGINE srl,  ITALY. disclaimer | privacy | contact us