[Home Icon][TOC Icon]

Barcelona: AIDA
OPERA

Cast
Audio Files
Foto

INTERVISTE

El Periodico
 

CRITICHE

OPERA ACTUAL
La Vanguardia
El Mundo
ABC
El Pais

Avui

El Mundo

La Razon


FOTO

 

18, 21, 24, 27 Luglio 2003

CAST

         Aida   DANIELA DESSI'
                   Radames
   FABIO ARMILIATO               
                       Amneris   ELISABETTA FIORILLO         
   Amonasro   JUAN PONS              
                  Ramfis   ROBERTO SCANDIUZZI

___________

Conductor   M. A. GOMES-MARTINEZ
                        
 

"E' difficile trovare  oggi un Radames migliore di  Fabio Armiliato"
G. Alonso   "LA RAZON"

(©Antoni BOFILL)


RECENSIONI


AIDA

En cuanto al reparto vocal de esta reposición –en el primero de sus dos repartos alternativos– vale la pena destacar la adecuación de todos los intérpretes, empezando por la excelente química creada entre el Radames de
Fabio Armiliato y la Aida de Daniela Dessì, pareja en la vida real. Armiliato fue afianzandose en su papel con un centro bien emitido y unos agudos cada vez más solventes, tras un “Celeste Aida” perfectamente cantado, aunque lo realmente destacable fue el exquisito fraseo y la elegancia de su canto. La Dessì, ofreció todo el lirismo y la ductilidad de su arte canoro, atenta a su parte y exquisita en los dúos, especialmente en el último donde ofreció toda la sinceridad y emotividad que requiere el personaje.

Per quanto riguarda il cast vocale di questa ripresa -nel primo dei due cast che si alternavano- vale la pena di evidenziare la piena adeguatezza di tutti gli interpreti, a partire dall'eccellente chimica creata tra il Radamés di Fabio Armiliato e l'Aida di Daniela Dessì, coppia anche nella vita reale. Armiliato ha preso sempre più confidenza in questo ruolo con un centro ben emesso e acuti ogni volta sempre più convincenti, dopo una "Celeste Aida" perfettamente cantata, ma la cosa ancor più rilevante fu il suo squisito fraseggio e l'eleganza del suo canto. La Dessì ha offerto tutto il lirismo e la duttilità della sua arte canora, attenta nelle sue parti solistiche e squisita nei duetti, specialmente nell'ultimo dove ha offerto tutta la sincerità e l'emotività che richiede il personaggio.

Fernando SANS RIVIÈRE - OPERA ACTUAL,  Settembre 2003


EGITTO LATINO

L’Aida di Daniela Dessì può non essere la più opulenta possibile, però il soprano genovese, da troppo assente dalle scene del Liceo, ha dato una lezione di canto intelligente e sensibile, senza cadere mai in effetti di bassa leva, al servizio di una concezione piena di dolcezza della principessa etiope, favorita da un dominio rimarcabile dei pianissimi che Dessì ci ha dispensato in grande misura durante la rappresentazione, fino alla coinvolgente scena sotto la “Fatal pietra”. Al suo fianco Fabio Armiliato  ci fa ricordare che esistono più tenori italiani (e migliori) di quelli che già raramente visitano casa nostra. Guerriero coraggioso e amante appassionato, Armiliato rende giustizia in entrambi i versanti del ruolo di Radames, in ragione di un suono sempre ben coperto, di un centro attraente fino all’acuto fermo e per queste ragioni il suo debutto è stato veramente rimarcabile. Che nella vita reale poi Dessì e Armiliato siano una coppia, questo non guasta per niente perchè i loro duetti avevano un respiro sulla stessa lunghezza d'onda.

 Xavier Cester   - AVUI  (20 Luglio 2003)
 


TENER PRESENTE IL PASSATO

Le operazioni di recupero potrebbero a volte essere lasciate nei musei, ma fortunatamente, l’opera è uno spettacolo fuori dal tempo che rivive ogni volta in ogni interpretazione. Moderna è la lezione di canto impartita dal tenore Fabio Armiliato e dal soprano Daniela Dessì: essi attingono dalla più genuina fonte della tradizione italiana e nella loro interpretazione di Aida e Radames riscopriamo il gusto per i colori, per l’eleganza e per la squisita dizione. La bellezza del canto senza abuso dei decibel, con voci ben proiettate e acuti fermi, ma senza effettacci, dando giusto valore alla parola, alle intenzioni e all’emozione.

Armiliato, che debuttava nel Liceo e la Dessì che ha fatto il suo debutto nel 1985 all’inizio della sua carriera, hanno conseguito un successo pieno. Il loro è il canto rivalorizzato – era veramente molto tempo che non si ascoltavano nel Liceo duetti cantati così meravigliosamente – e il pubblico li ha premiati generosamente.

Javier Perez Senz  -  EL PAIS (Nacional)   (20 Luglio 2003)


ARCHEOLOGIA OPERISTICA DI LUSSO

Diretto al cuore – Durante la sera della prima è stata creata la giusta atmosfera grazie a due voci assolutamente nello stile italiano, per qualità e intenzioni, identificate in una coppia che sa molto bene quello che fa: Daniela Dessì e Fabio Armiliato. Il soprano genovese ha portato il personaggio nel suo terreno, cantandolo con consapevolezza, senza forzare nessuna nota grave, colorandolo fino all’ultima frase e attaccando gli estremi acuti con sicurezza, collocandosi in questo modo nel regno delle più grandi.

Armiliato ha imposto I suoi acuti impressionanti, proponendo un Radames eroico ma che sa molto bene come arrivare al cuore del pubblico.

PABLO MELÉNDEZ-HADDAD  - ABC  (20 Luglio 2003)


“Aida” ritornò vincente

Nel ruolo principale, Daniela Dessì, un soprano che ci ha dato una versione lirica, amorevole e sensibile del personaggio verdiano, lontano dalle aggressive “soprano verdiane” e molto più orientata a darci una lettura intimista del personaggio. Il suo “Ritorna vincitor” fu una gioia e il suo dialogo con la rivale Amneris un’altra. Nell’aria del terzo atto si è trovata a lottare un poco per affrontare i terribili acuti che Verdi ha scritto, uscendone vittoriosa nel confronto. I suoi duetti con Amonasro e Radames e il finale con quest’ultimo coronarono un’eccellente lavoro e fu rabbiosamente applaudita.. Fabio Armiliato ha fatto la sua sortita affrontando “Celeste Aida”, che risolse bene. Nel resto della rappresentazione è andato in crescendo. Ha una voce di timbro molto bello, con “squillo” e emoziona nei diversi passaggi vocali. Fu molto ricompensato dal pubblico.

Roger Alier  - La VANGUARDIA  (20 Luglio 2003)


IL RINNOVAMENTO

Daniela Dessì è una cantante molto musicale con un fraseggio attento, che è emersa soprattutto nei momenti più lirici, optando per una visione più intimista, quasi belcantista della sua interpretazione.
Fabio Armiliato è un tenore con uno strumento che si espande con brillantezza, forse un poco lirico per Radames, ma con un solido registro acuto, con un buon fraseggio e uno stile sicuro.

Albert Villardell  - EL MUNDO  (21 Luglio 2003)


E' stata una Aida grandiosa e spettacolare....Daniela Dessì ci ha fatto ascoltare cose preziose nelle parti più liriche della partitura. E' difficile trovare  oggi un Radames migliore di  Fabio Armiliato, anche lui cantante "all'antica". Soprano e tenore, partner sulla scena e nella vita, si compenetrarono molto bene.

Gonzalo Alonso  LA RAZON  (21 Luglio 2003) 

[HOME] [CREDITS] [OPERA WEB SITES]
 

 

Send mail to ARMILIATO@interfree.it   with questions or comments about this web site.
Last modified: febbraio 09, 2004